Vantaggi di un percorso di formazione incentrato sulle soft skills

vantaggi-percorso-formazione-soft-skills-copertina

Il lavoro come lo conoscevamo in passato non esiste più. Fino a qualche anno fa si seguiva un corso di formazione, poi si trovava un lavoro, spesso a tempo indeterminato. La carriera proseguiva nella stessa azienda, magari migliorando le competenze, ma senza avere una vera e propria formazione continua. Oggi tutto è diverso, il posto fisso è una chimera, il lavoro è molto fluido, ma soprattutto non richiedono esclusivamente le hard skills, ma anche le soft skills. Di conseguenza per entrare nel mondo del lavoro, e restarci, è essenziale maturare delle competenze trasversali, magari seguendo anche dei corsi di formazione.

Soft Skills: un’opportunità e non un costo

Sia chiaro: le soft skills non sono un capriccio delle aziende del settore privato e del settore pubblico, ma un’esigenza dettata dai tempi moderni in cui tutto cambia velocemente e si deve essere in grado di cambiare con il mondo per poter restare sul mercato. Dobbiamo però anche dire che le soft skills, anche conosciute come competenze trasversali, non devono essere viste come un ostacolo, ma come un vantaggio per coloro che vogliono entrare e restare nel mondo del lavoro mettendo in esso tutte le proprie capacità e passioni. Insomma sono un modo per essere completamente se stessi nel mondo del lavoro e nelle relazioni personali. Avere maggiori capacità e conoscenze, essere multitasking, in grado di trasformare se stessi in base ai cambiamenti e quindi avere una realizzazione piena ed essere apprezzati per tutte le proprie sfaccettature, rende le persone maggiormente soddisfatte e pronte a mettersi sempre nuovamente in gioco.
Acquisire soft skills porta molti vantaggi, infatti, può essere la chiave per la propria evoluzione e devono essere vissute come un momento felice e positivo della propria vita, non come un dovere da compiere.

corsi-soft-skills-vantaggi
People photo created by lookstudio – www.freepik.com

Hard skills e soft skills

Per capire bene l’importanza delle soft skills e i vantaggi che possono portare, la prima cosa che dobbiamo fare è capire di cosa si tratta e quindi distinguerle dalle hard skills. Le hard skills sono le competenze tecniche, quelle che si acquisiscono nel corso di studi principali (università) e sono le competenze specifiche per le mansioni che devono essere portate a termine. Le soft skills, competenze trasversali, invece, rappresentano delle attitudini professionali e delle competenze ulteriori che possono fare la differenza, ovvero portare in azienda un “quid” in più che per essa diventa un imprescindibile valore aggiunto.

Come scegliere un percorso soft skills

Entra nel mondo delle soft skills senza avere dei paraocchi o dei limiti. Pensa ad esse come ad opportunità, un modo per scoprire te stesso e sfruttare ogni tua potenzialità. Questo vuol dire che non devi pensare alle soft skills tenendo in considerazione esclusivamente un ipotetico ruolo che vuoi ricoprire. Le competenze trasversali richieste per una mansione possono essere anche completamente diverse rispetto al ruolo specifico, infatti, servono alle aziende anche per distinguersi dalla concorrenza.
Ad esempio, per un’azienda avere un addetto marketing che ha acquisito nel tempo anche abilità nel settore della comunicazione ed è in grado di elaborare una strategia di comunicazione in rete, può essere un punto di forza rispetto alle aziende concorrenti. Per un’azienda che vende degli aspirapolvere potrebbe essere interessante anche avere un dipendente che è anche attore teatrale.

Soft Skills e pubblico impiego

Avere molteplici soft skills, magari anche certificate, implica una maggiore facilità nel collocarsi nel mondo del lavoro in modo utile e soddisfacente. Occorre ricordare che l’esigenza di trovare personale con soft skills, nasce nel settore privato del lavoro, ma oggi vengono richieste anche nel pubblico impiego. I ministri che negli ultimi anni si sono susseguiti nella gestione della Funzione Pubblica, sono concordi nello stabilire la necessità di riformulare completamente i percorsi di ingresso in Pubblica Amministrazione e sottolineano che il personale deve essere selezionato tenendo in considerazione proprio le competenze trasversali. È chiaro che in questi settori non ci può affidare esclusivamente alla parola di chi presenta un curriculum, ma è necessario che le competenze siano accreditate. Ecco perché rivolgersi a professionisti in grado di organizzare percorsi di formazione specifici e che siano in grado di certificare i programmi seguiti.

soft-skills-nel-pubblico-impiego
Business photo created by aleksandarlittlewolf – www.freepik.com

Le soft skills più richieste

Le soft skills acquisibili sono molteplici, le aziende richiedono ai collaboratori capacità di lavorare in team e allo stesso tempo di gestire in autonomia le proprie mansioni, richiedono abilità nella comunicazione, flessibilità, curiosità, problem solving. Si tratta di attitudini che portano la persona ad aver voglia di evolversi e migliorare. Tra le competenze più richieste vi è l’empatia, quindi la capacità di entrare in contatto con gli altri, che si tratti di collaboratori presenti nella stessa azienda, di utenti che devono accedere ai servizi, oppure persone da convincere ad acquistare un bene o un servizio. Molti però pensano, erroneamente, che l’empatia sia una caratteristica personale non acquisibile. In realtà non è così. Infatti, a parte la predisposizione, vi sono percorsi che possono aumentare a dismisura questa capacità. Ad esempio è possibile seguire dei percorsi di formazione che comprendano tra le materie la PNL, cioè Programmazione Neuro-linguistica. Questa particolare tecnica è basata sul linguaggio, non solo verbale, ma anche gestuale e aiuta a migliorare la comunicazione con gli altri, sia come capacità di trasmettere, sia come capacità di ascolto e percezione dell’altro. La PNL consente di modificare il proprio comportamento e il proprio pensiero al fine di acquisire una maggiore capacità di relazione con gli altri e di entrare quindi in sintonia con le loro necessità, capacità e bisogni. Attraverso un percorso PNL è possibile imparare a gestire ansia e stress e quindi a tenerli sotto controllo, caratteristica essenziale in qualunque tipologia di lavoro, rimuovere pensieri negativi legati soprattutto ad eventi passati e potenziare le proprie capacità. I corsi sulle soft skills possono anche migliorare la propria capacità di persuasione, attitudine necessaria quando si lavora a contatto con le persone.
I corsi di formazione con soft skills prevedono l’acquisizione di diverse capacità, grazie ai corsi di Different Academy è possibile avere la certificazione separata per ogni modulo seguito. Questo vuol dire che non si ottiene un certificato generico, che sicuramente è importante ma dice poco delle competenze realmente acquisite, ma dei titoli realmente spendibili nel mondo del lavoro e che aiutano le aziende e le Pubbliche Amministrazioni a capire le reali capacità e attitudini maturate con i corsi.

Ti piacerebbe acquisire nuove competenze trasversali per migliorare il tuo curriculum? Iscriviti al master in Soft Skills for Business di Different Academy e il mondo del lavoro non sarà più una chimera!

Pin It on Pinterest

Share This